Song Lyrics From Around The World

Home | Email Us | 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | Christmas | Soundtracks | Web Hosting with TotalChoice

big text small text home back forward print

NON HAI PIÙ (Calabrese / Aznavour / Garvarentz) Charles Aznavour (France) Abbiamo io e te folleggiato qua e là, Ma è tempo di andar con più tranquillità, Si veste ogni nuova avventura Di non attendibilità E più di una brutta figura La fuga ti risparmierà. Non hai più, non hai più La prestanza del tempo che fu, Non ti resta una volta di più Che sperare... Non hai più, non hai più La superbia tua prima virtù E, mancando l'ardore che fu, Ah, che vuoi fare? Non hai vitalità, Sei più triste che mai, E non c'è sazietà In quel poco che dai, Se ne è andata l'età Delle tua facoltà senza pari. Non hai più, non hai più, Puoi sognare se vuoi pure tu, I ricordi potrai tutt'al più Raccontare. Non hai più, non hai più Tante arie da mettere sù, Vieni amico, contemplati In uno specchio. Non hai più, non hai più Il tuo corpo da "attenta-virtù" E gli sguardi non fremono più Da parecchio. Sei quel frutto che ormai Non si raccoglierà, Perché spremerlo ormai Per quel poco che dà, Ma riposati và E poi campa da povero vecchio. Non hai più, non hai più I delitti di lesa virtù, Buonanotte all'ardore che fu ... Ed al secchio! Non hai più, non hai più, Ma sta' calmo, ragionaci sù, Oramai non attaccano più Le promesse. Non hai più, non hai più Che da essere papà tutt'al più, Queste cose, non ciò che vuoi tu Sono ammesse. Sulla fronte che hai, Più spaziosa che mai, Spunteranno le insegne di regalità Che purtropo però solo ai cervi Natura concesse. Non hai più, non hai più Che i discorsi del tempo che fu, Stringi femmine come vuoi tu, trepidanti, Ma ne devi pagar le virtù In contanti. ***** TU N'AS PLUS Charles Aznavour (France) On a tous les deux Couru le cotillon Il est temps mon vieux De baisser pavillon T'as dépasser l'âge limite La marge de sécurité T'es un Don Juan mangé aux mites Qui ferait mieux de se caser Tu n'as plus, tu n'as plus La vigueur qu'à vingt ans tu as eue Et ne peut plus atteindre le but Qu'elles espèrent Tu n'as plus, tu n'as plus Ta superbe, t'as l'air d'un vaincu Et devant tes ardeurs disparues Rien à faire Tu n'as pas de ressort Tu es triste à mourir Et les femmes ont un corps Assoiffé de plaisir Ou est cet âge d'or Qui connut tes désirs Légendaires Tu n'as plus, tu n'as plus Que la force de rêver sans plus Seule ta mémoire a survécu A la guerre Tu n'as plus, tu n'as plus Un physique à leur crever la vue Mon ami regarde-toi dans u- -ne glace Tu n'a plus, tu n'as plus L'âge pour enflammer l'ingénue Le temps des fredaines est révolu Tu te tasses Tu es ce fruit fané Que nul ne veut cueillir A quoi bon le presser Pour n'en rien recueillir Tu devrais te marier Avant que l'avenir Ne grimace Tu n'as plus, tu n'as plus Le droit de te permettre un refus Sans ardeur faudra du superflu Mais en masse Tu n'as plus, tu n'as plus Qu'à te faire une raison vois-tu Elles sont nulles et sans avenues Tes promesses Tu n'as plus, tu n'as plus Plus qu'à faire des enfants tant et plus Car c'est ainsi que l'on perpétue Sa jeunesse Sur ton front dégagé Luisant de mille éclairs Si elles ne sont gâtées Il poussera mon cher Ces merveilleux trophées Que l'on prend sur les cerfs Qu'on dépèce Tu n'as plus; tu n'as plus Le moyen de les lancer aux nues Aussi quand elles voudront leur dû De caresses Il te faudra payer leur vertu En espèces

    


International Lyrics Playground       Private Guitar Lessons in Connecticut!       Web Hosting with TotalChoice       Click and start earning!       Privacy Policy