Song Lyrics From Around The World

Home | Email Us | 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | Christmas | Soundtracks | Web Hosting with TotalChoice

big text small text home back forward print

ZIRICHILTAGGIA (Baddu Tundu) (Massimo Bubola / Fabrizio De AndrÚ) Fabrizio De AndrÚ (Italy) Di chissu che babbu ci ha lacÓtu la meddu palti ti sei presa lu muntiggiu r¨iu cu lu s¨aru li Ócchi sulcini lu trau mannu e m'hai laccatu monti m¨ccju e zirichŔlti. Di quello che papÓ ci ha lasciato la parte migliore ti sei presa la collina rosa con il sughero le vacche sorcine e il toro grande e m'hai lasciato pietre, cisto e lucertole. Ma tu ti sei tentu lu riu e la casa e tuttu chissu che v'era 'ndrentu li piri butýrro e l'oltu cultiato e dap˛i di sei mesi che mi n'era 'ndatu parýa un campusantu bumbaldatu. Ma tu ti sei tenuto il ruscello e la casa e tutto quello che c'era dentro le pere butirre e l'orto coltivato e dopo sei mesi che me n'ero andato sembrava un cimitero bombardato. Ti ni sei andatu a campÓ cun li signuri fŔnditi comandÓ da to mudderi e li soldi di babbu l'hai spesi tutti in cosi boni, midicini e giornali che to fidd˛lu a cattr'anni aja jÓ l'ucchjali. Te ne sei andato a vivere coi signori, facendoti comandare da tua moglie e i soldi di papÓ li hai spesi tutti in dolciumi, medicine e giornali che tuo figliolo a quattro anni aveva giÓ gli occhiali. Ma me muddŔri campa da signora a me fidd˛lu cunnosci pi¨ di milli parÓuli la t˛ja Ŕ mugnedi di la manzÓna a la sera e li toi fidd˛li so brutti di tarra e di lozzu e andarÓni a cuiuÓssi a a calche zirÓccu. Mia moglie vive da signora e mio figlio conosce pi¨ di mille parole la tua munge da mattina a sera e le tue figlie sono sporche di terra e di letame e andranno a spostarsi a qualche servo pastore. Candu tu sei paltutu suldatu piagnii come unu stŔddu e da li babbi di li toi amanti t'ha salvatu tu fratŔddu e si lu curÓggiu che t'Ŕ filmatu Ŕ sempre chiddu chill'Ŕmu a vidi in piazza ca l'ha pi¨ tostu lu murro e pa lu stantu ponimi la faccia in culu. E tu quando sei partito soldato piangevi come un bambinetto e dai padri delle tue avanti t'ha salvato tuo fratello e se il coraggio che ti Ŕ rimasto Ŕ sempre quello ce la vedremo in piazza chi ha la testa dura e nel frattempo mettimi la faccia in culo.

    


International Lyrics Playground       Private Guitar Lessons in Connecticut!       Web Hosting with TotalChoice       Click and start earning!       Privacy Policy